Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

OK, accetto

Il Cross Linking

 

La struttura biochimica e molecolare dello stroma corneale determina la forma e la trasparenza della cornea. Il cheratocono è una patologia in cui vi è una ridotta stabilità della struttura corneale, questa alterazione infatti modifica il profilo della cornea con un progressivo assottigliamento e conseguente decadimento delle proprietà ottiche della stessa. La disposizione delle fibre, infatti è completamente diverso determinando quindi una minore rigidità della struttura. Il cross-linking è una proceduta chirurgica capace di stabilizzare una cornea affetta da cheratocono aumentando la resistenza delle fibre costituenti il tessuto corneale. Pazienti che possono sottoporsi all’intervento: - Età maggiore di 16 anni - Cheratocono evolutivo (I-II in progressione) - Peggioramento clinico e topografico documentati - Spessore corneale pachimetrico di almeno 400 micron - Intolleranza o inapplicabilità della lente a contatto - Assenza di opacità stromali, patologie infettive, autoimmuni, occhio secco severo - Degenerazione marginale pellucida in evoluzione - Melting corneale - Sottoscrizione del consenso informato specifico Pazienti che non possono sottoporsi all’intervento: - Spessore corneale in thinnest point inferiore a 400 micron; - Cheratite erpetica pregressa e/o infezioni oculari in atto; - Cicatrici corneali centrali; - Stabilità clinico-strumentali; - Occhio secco (riduzione del film lacrimale superiore al 50%). Esami pre-operatori: - Esame biomicroscopico generale - Topografia corneale - IOP - Conta cellule endoteliali - Pachimetria corneale - Aberrometria Come avviene il trattamento e quanto dura? L’intervento dura mediamente 35 minuti e consta di tali fasi: Pre-medicazione dell'occhio da trattare mediante istillazione di una goccia di pilocarpina 1% collirio 30 minuti prima dell'intervento. Anestesia topica in collirio (4 istillazioni nei 10 minuti prima dell'inizio della procedura). Posizionamento del blefarostato e disepitelizzazione corneale. Istillazione della soluzione di Vitamina B2 riboflavina -5-fosfato, 10-15 minuti prima dell'inizio dell'irradiazione (3-4 gocce) ogni 2-3 minuti. Irradiazione attraverso il laser a ultravioletti Istillazione di 2-4 gocce di soluzione di riboflavina ed inizio della irradiazione corneale e controllo real time della procedura mediante il monitor LCD. Effetuazione delle sei fasi di irradiazione di 5 minuti ciascuna. Istillazione della soluzione di riboflavina ogni 5 minuti durante il trattamento e per 30 minuti complessivi. Controllo della cornea. Lavaggio della superficie corneale, medicazione e bendaggio con lente a contatto terapeutica per 5 giorni.  

 

crosslinkx